UNA STORYLINE DI TROPPO

Questo articolo è stato scritto da TVD ITALIA e mi sento di riprodurlo,perchè sono quasi completamente d’accordo su quanto detto Leggetelo e se vi va commentate anche qui.

Dopo Ghost World, in me e Biam, si è scatenata una potente necessità di dire la nostra: forse criticabile da una certa parte dei fan dello show, ma comunque motivata. La nostra è un’analisi molto particolare. Proviamo a spiegare le motivazioni del nostro giudizio estremamente negativo (senza nulla togliere all’immenso amore per lo show). E’ anche il nostro primo esperimento di un pezzo ‘a 4 mani’.

Se vi chiedessimo, cosa pensate dell’episodio di giovedì notte, Ghost world, cosa ci direste così su due piedi? E’ un episodio Sì oppure o No?

Nonostante abbia avuto degli ottimi ascolti, ha avuto un’accoglienza contrastante dalla fandom e noi non ne siamo escluse. I commenti hanno diviso la fandom quasi a metà, tra chi ha amato l’episodio e chi invece lo ha ritenuto quasi un passo indientro se non un pantano per la storia di The Vampire Diaries. Generalizziamo in ‘accusatori’ e ‘Salvatori'(che i Salvatori non ci stanno mai male).

La prima impressione: SE qualcuno si trova nelle condizioni di dover procedere con un’ arringa difensiva a favore dell’episodio, allora siamo già davanti ad un grosso problema. Tante accuse, tante disillusioni e quindi a spada tratta a difendere il nostro show, almeno così si pensa, ma in realtà oggi gli avvocati hanno deciso di scioperare e di fare il lavoro sporco. La strada dell’obiettività, quando si danno informazioni, come nel nostro piccolo spazio, dev’essere l’unica strada da seguire.

Il commento sull’episodio è estremamente negativo, certo se lo si ‘guarda’ solamente forse non vi si fa nemmeno caso, ma se ci si sofferma un attimo, è subito palese che qualcosa non va proprio. Partiamo dicendo che entrambe amiamo Kevin e Julie, anzi li adoriamo, ma alcune volte non ci sentiamo di condividere le loro scelte, troppo sulla scia della Smith e a buon intenditore poche parole.

L’episodio in questione ha evitato, e rimarchiamo il termine evitato, TROPPI personaggi di cui al momento poteva essere d’interesse conoscerne le dinamiche, ma non per puro affetto, ma semplicemente perchè NECESSARI allo svolgimento della trama. La tendenza è stata, REALIZIAMO UN EPISODIO MATERASSO.

Damonmary: Mi perdonino i fan di Jeremy (e Anna) o di Matt (e Vicki) ma le loro storyline non sono ‘determinanti’ per nessuno, oltre che i personaggi facilmente intercambiabili (se non in alcuni casi, addirittura INUTILI). Ma attenzione bene: questi sono giudizi personali.

Biam: Sono di parere diverso, oddio prendete le mie parole in maniera molto ‘lato’. Né Jeremy e né Matt sono indispensabili per la trama, tuttavia sono certa che le storie potessero avere un minimo di interesse qual’ora fossero state gestite diversamente. C’era qualcosa di sbagliato nel come Matt ha gestito i suoi sentimenti, prima ti ammazzi per vedere tua sorella e poi la rispedisci al mittente come se niente fosse?? Soprassiedo su Anna e Jeremy solamente perché so che ci sono state centinaia di fan che hanno atteso con trepidazione il ritorno della suddetta, ma anche qui, penso che il tutto sia stato gestito veramente male.

Passiamo ora ad un giudizio tutt’altro che personale. Quando diciamo che la trama è stata in STALLO per colpa di questa benedetta storia dei fantasmi non lo diciamo perché l’idea è stata o meno di nostro gradimento, no, ma solo perché i fantasmi con la loro apparizione da POP-UP hanno snaturato completamente, la logica dello show: uno show sui vampiri e il vampirismo, che si parli di integrazione o di sopraffazione della razza umana, di vampiri bisognerebbe parlare, invece in questi ultimi episodi sembrava di essere alla sagra del soprannaturale, dove i vampiri erano gli addetti al carretto del popcorn (nemmeno del sangue, perché sarebbe stato ‘bloody’).

Questa ‘fantasmi story’ sembra solo un mal riuscito tributo a Begin Human.

Una delle cose che ha indispettito maggiormente i fan di The Vampire Diaries, quando si parla di libri è stata la tendenza della Smith di fare dell’opera un’insalata. Ci va bene, che ci siano streghe e licantropi, ci va anche bene che arrivino i TROLLs, tuttavia rimaniamo ancorati al desiderio di avere uno show sui vampiri o che quanto meno non segreghi la razza a comparsa.

Non dovrebbero essere così importanti personaggi (si fa per dire) che passano barriere temporali per farci ‘sapere’ qualcosa. Non dovrebbero essere così importanti licantropi o streghe. Passi forse Klaus, ma solo perché vampiro originario con una storia potente alle spalle, non perché ibrido vampiro.

Abbiamo pregato ogni sera, affinché questo show non diventasse la versione sovrannaturale di Dawson’s Creek, e oggi invece quasi quasi ci chiediamo se non fosse stato meglio quel ‘male’. Eppure Elena che si trasforma in una buffy nostrana, che combatte le attenzioni di ‘quel’ fratello per portare in salvo … ritirare in superficie il suo eroe, ci fa quasi paura.

L’eroe, Stefan: non si è mai visto uno Stefan così espressivo e determinato a rimanere senza sentimenti. La rabbia, di un animale in trappola: molto potente il ‘Ti squarterò’ rivolto a Lexi. Complimenti a Paul, finalmente lo Squartatore di è presentato alla Reception. Questa è stata l’unica nota positiva dell’intero episodio.

Ma ritorniamo ai fantasmi, ad uno in particolare: Lexi. Cosa esattamente ha dimostrato? Salvare Stefan facendogli avere allucinazioni in cui non tocca sangue umano da mesi e ferendolo un pò per fargli provare qualcosa che non sia la fame? Ammettiamolo, si è voluto fare un episodio rimpatriata, altrimenti abbiamo paura a pensare che abbiano realmente lavorato sulla sceneggiatura di Lexi. E’ questa la grande lezione per cui un fantasma si è scomodato tanto? Cosa che poteva fare benissimo Damon, se avesse voluto. E soprattutto.. parlando di storyline che un pò traballano.. hanno intenzione di lasciarlo morire di fame, come i vampiri della cripta? E’ questa la strada per guarirlo?

Damonmary: Torniamo indietro con la trama: il punto focale vero dovrebbe essere la storia dei vampiri Originari, e magari partire da lì per pensare di salvare Stefan. Nessuno però ci ha pensato: anzi, arriva Mason, completamente out of character, che si reca PROPRIO da Damon a mostrargli un modo per salvare il nipote. Come se di Damon LUI si potesse fidare. Assurdo.

Biam: Dissento! Io rimango sempre dell’idea che il punto focale della storia deve rimanere il trio. In tutte le salse. Perciò se di originari si parli, allora che questo faccia rima con Elena, Stefan e Damon. Ma non è così, perché Damon in tutta questa storia, sembra proprio ci sia stato infilato con un atto di forza. Solo io avverto questo calo di aura del personaggio? Questa sua mancanza di vigore? Questo suo aver smarrito la strada, perché chi la scrive si è dimenticato di dargli un senso? Qui mi lego alla questione Mason. Mi piace l’idea che Mason vada da Damon, perché Damon al momento è l’unico sano di mente rimasto in giro e anche l’unico con un minimo di capacità, tuttavia, vivo l’intromissione di Mason, come un mesto e misero modo di tenere Damon in gioco. Assurdo.

Come è assurdo il potere esagerato che si sta dando alle streghe: che parlano tra di loro dall’aldilà e vedono addirittura tutto quello che accade!! Sono quasi senza parole per quanto stiamo andando fuori tema. Ma prima di chiudere con le streghe vorremmo lanciare un pensiero a tutti voi: Bonnie. Bonnie è realmente necessaria nella trama, così come è stata pensata? Personalmente abbiamo l’impressione che la presenza di questo personaggio sia fortemente voluto da qualcuno, ma qualche altro si batta per tenerlo al margine, creando così un personaggio Borderline di disturbo più che di armonia.

Dov’è l’orrore? Dov’è la paura? Il mio ragazzo, tutti i miei amici sono dei MOSTRI e la mia vita continua come se niente fosse? Sono la donna più rilassata dell’universo e riesco anche a pensare alla scuola. Anzi, non faccio niente per biasimare magari il mio ragazzo perchè è un mostro sanguinario senza cuore, ma gli dico SEMPRE, con la stessa flemma, che non mi arrenderò e lo salverò perché SO che lui in fondo è buono. Se ci era piaciuta tanto la reazione di Elena alla scoperta dell’identità di Stefan, oggi non riusciamo proprio a concepire tanta leggerezza. Elena, Elena: non sembri neanche più un personaggio realistico.

Grazie a Ghost World abbiamo voglia di tornare ai vecchi tempi. Quando gli esseri umani scappavano dai vampiri, non provavano a pensare ad altro perché tanto non c’è soluzione e andavano alle feste sperando che un cacciatore di vampiri millenari passasse oltre la loro città o che l’ibrido sociopatico più longevo del mondo li lasciasse vivere in pace, senza voler creare un esercito di mostri ai sui piedi. Vogliamo che The Vampire Diaries, dal suo irrealismo, torni alla realtà. Lo scheletro del pezzo è di BIAM, elaborando le idee di entrambe, con citazioni qua e là.

Una Risposta to “UNA STORYLINE DI TROPPO”

  1. natalie: io sinceramente la penso diversamente da tutti voi la puntata numero 7 l ho trovata avvincente e legata strettamente ai personaggi passati che evidentemente volevano ricordare ; tralaltro vampiri,licantropi e streghe sono un ottima conbinazione senza contare che caroline e tyler sono una coppia fantastica e anche bonnie e geremy per quanto riguarda demon io nn penso che stia a sforzo nelle puntate, semplicemente la situazione si è ribaltata il demon che tutti conoscevamo nn esiste più è buono perciò sembra meno visibile rispetto a come lo era prima.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: